San Cristobal e i riti magici

Sulla strada di San Cristobal

San Cristobal e i riti magici

Quando arriviamo a San Cristobal de Las Casas è già pomeriggio inoltrato, il sole sta calando e sentiamo un’aria decisamente più fredda dovuta ad un altitudine di circa 2200m.

Tre giorni a San Cristobal De Las Casas

Rimaniamo a San Cristobal solo pochi giorni, assaporando l’anima di questo luogo, girovagando a piedi per il colorato centro storico dove si susseguono bancarelle e piccoli negozi di souvenir a buon prezzo. Scopriamo un concerto in piazza di fronte alla Cattedrale con la musica a tutto volume e tantissimi giovani che ballano. Mangiamo il pollo piccante in un piccolo locale chiamato Sin Aloha, dove si può comprare solo il cibo, le bevande le porti da casa o nel nostro caso dal supermaket di fronte. Assaggiamo l’Habanero e da quanto è piccante siamo costretti a tornare di corsa al minimarket per comprare dell’acqua. 

Poi c’è il famoso Mexcal con il verme, la birra Sol e il caffè che è inaspettatamente buono. Troviamo perfino un bar con la macchinetta per l’espresso, sicuramente ci sarà lo zampino di qualche italiano.

 

Il giorno c’è un bel sole e nonostante l’altitudine riusciamo a stare a maniche corte. La sera però fa freddo, tanto da essere costretti a comprare delle sciarpone di lana realizzate a mano dalle donne del posto. Così ci spieghiamo anche il perchè dei vestiti tradizionali delle donne tzotzil, che riconoscerete facilmente a causa delle loro gonne scure fatte di pelo di pecora. Non sarà difficile imbattervi in loro, infatti San Cristobal è circondata da decine di villaggi indigeni tzotzil e tzeltan

DOVE DORMIRE A SAN CRISTOBAL: noi abbiamo prenotato in loco all’ Hotel San Augustin  , non ricordo la cifra esatta essendo passato qualche anno ma vi ho lasciato il link per dare un’occhiata alle tariffe davvero economiche ancora oggi. 

DOVE MANGIARE A SAN CRISTOBAL: troverete decine e decine di possibilità, vi segnalo un posto molto carino dove abbiamo mangiato una sera per cena El Argentino  .

COSA VEDERE A SAN CRISTOBAL: se vi fermate qualche giorno potete andare al Grutas Rancho Nuevo un parco naturale molto carino dove potete fare una passeggiata a cavallo, visitare le grotte e fare merenda con una bella pannocchia.  😆 

San Juan De Chamula tra galline e riti magici

Lasciamo la città e raggiungiamo in taxi per pochi pesos il villaggio tzotzil di San Juan de Chamula, un posto in cui il tempo scorre in modo diverso. Le poche macchine in giro ed gli edifici di cemento e fango ci mostrano una regione tra le più povere del Messico. Qui oltre allo spagnolo si parlano molti dialetti,  esistono ancora le popolazioni indigene e i riti magici sono quotidiani. 

Chiesa di San Juan De Chamula
Ph: Marco Del Cima_ Chiesa di San Juan

Il taxi ci lascerà nella piazza principale, dove si svolge anche il mercato del paese. Qui le donne stendono le loro mercanzie fatte di tessuti, piccoli oggetti e braccialetti, tutti coloratissimi; mentre bambini di ogni età gironzolano scalzi e sorridenti insieme agli animali da cortile che probabilmente i loro genitori commerciano.

Entrando nella piccola Chiesetta, il Tempio de San Juan, vi troverete circondati da una serie di fantocci issati alle pareti e vestiti a festa. Gli specchi legati al loro collo creano dei riflessi quasi inquientanti. A terra il pavimento sotto i vostri piedi sarà coperto da aghi di pino e cosparso di candele ed incenso, creando un forte senso di mistero. I fedeli all’interno, divisi in piccoli gruppetti, pregano cantando e recitando dei versi fino al momento del sacrificio. Per questo polli e galline vengono portati in Chiesa all’interno di buste di plastica. Immaginate il mio stupore di fronte a questa scena, non credevo ai miei occhi.  😯 

All’interno della Chiesa è severamente vietato fare video o scattare foto, molti credono che l’anima resti intrappolata all’interno della macchina, ricordandoci ancora una volta quando questo piccolo paese sia lontano dal nostro mondo.

Dopo tre giorni era arrivato il momento di chiudere gli zaini, Palenque ci stava aspettando..

Il mio viaggio non è finito qui, seguimi su Instagram per scoprire quale sarà il prossimo post.

 

 

 

 

Vivo a Viareggio, respiro aria di mare e amo la mia Toscana. Cucino per le persone a cui voglio bene e scappo in viaggio ogni volta che posso. Amo i cani e le persone sorridenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top